Parliamo di...

Stimolazione Cognitiva

By 23 Aprile 2020 No Comments

Cos’è?

Si configura come un intervento finalizzato al benessere complessivo della persona in modo da incrementarne il coinvolgimento in compiti finalizzati alla riattivazione delle competenze residue e al rallentamento della perdita funzionale causata dalla patologia dementigena. In altre parole, si tratta di interventi mirati a incrementare il benessere e l’autonomia dell’anziano affetto da demenza, con lo scopo di riattivare/stimolare le sue competenze residue e rallentare la perdita funzionale delle abilità cognitive.

Perché è utile?

  • Contrastare e rallentare il decorso della malattia;
  • Ridurre in frequenza (intensità i problemi comportamentali, rendendoli quindi maggiormente gestibili
  • Mantenere il miglior livello di autonomia e benessere possibile;
  • Ridurre lo stress di chi assiste e, in generale, i carichi assistenziali;
  • Ridurre o ritardare l’utilizzo di mezzi di contenzione fisica e/o farmacologici

Chi può farlo?

La stimolazione cognitiva deve essere effettuata da un operatore specializzato.

Arcobaleno nel suo Centro di Consulenza e Terapia dell’Età Evolutiva (CTEE) ha in organico da anni figure preparate per attuare la stimolazione cognitiva. Chiama 0364/321074 e richiedi maggiori informazioni.

Leave a Reply